Cos’è Revolution School

icona_scuola

Siamo la scuola che fa crescere con la Musica

Revolution School è una scuola di musica e teatro.

Abbiamo creato i nostri corsi per bambini e ragazzi che desiderano imparare a suonare uno strumento, o avvicinarsi al mondo della recitazione.

In 5 anni di attività, più di 500 giovanissimi allievi sono passati per le nostre aule.

Con l’aiuto degli insegnanti hanno mosso i primi passi nel mondo della musica e vissuto delle esperienze indimenticabili, grazie ad esibizioni e momenti di musica d’insieme in vere e proprie Band.

FOTO DI BAMBINI FELICI ALL’INTERNO DELLA SCUOLA

Diversamente da tante altre scuole, a Revolution School abbiamo scelto di dedicarci esclusivamente a bambini e giovani ragazzi, ovvero una specifica fascia didattica che spesso è poco considerata.

L’inizio è il momento più importante per dare le giuste basi.

Un momento in cui la scintilla può scoccare ed innescare una passione che è crescita, cambiamento ed espressione di sé.

Per un bambino, la scoperta della Musica è come intingere per la prima volta un pennello in un colore nuovo.

Noi aiutiamo i giovanissimi allievi a scoprire questo nuovo colore, lasciando che siano loro stessi a progredire ed intrecciare da sé le fila di questa meravigliosa Arte che unisce ogni forma di vita.

FOTO SIGNIFICATO PRIMI PASSI

Perché Revolution School una scuola di musica diversa da tutte le altre?

Revolution School è un luogo dove gli strumenti non sono il fine, ma un mezzo a disposizione degli allievi per esprimersi e vivere bene il proprio tempo libero, con gli insegnanti e con gli altri compagni.

Pensiamo che nella scoperta di un mondo come il mondo della musica, i bambini non possono essere considerati allievi qualunque.

Sono tanti i motivi che possono spingere un bambino a desiderare di suonare uno strumento: può essere l’entusiasmo dopo aver assistito ad un vero concerto, l’esperienza positiva di amici o compagni di scuola, o più semplicemente un’iniziativa dei genitori.

Non sempre, purtroppo, quella che potrebbe essere una passione per la vita si rivela tale.

Il motivo è molto semplice:

troppe volte i bambini che iniziano a suonare uno strumento non sono motivati a proseguire e scelgono di abbandonare dopo qualche anno o addirittura qualche mese di lezione.

Perché succede questo?

La colpa, spesso, sta dalla parte di chi si assume il ruolo di insegnare la musica.

  • Gli insegnanti delle scuole hanno tra loro allievi di diverse fasce d’età. Bambini, adolescenti e adulti. Non hanno quindi l’abitudine a comprendere i bisogni dei più piccoli, che sono molto diversi e molto più delicati.
  • Nozioni e programmi sono uguali per tutti. L’allievo deve seguire un tracciato già segnato, che non tiene conto del suo essere unico.
  • Le lezioni spesso sono esclusivamente singole, senza possibilità di un confronto con altri insegnanti e altri allievi.
  • I saggi sono poco curati nell’organizzazione e nell’aspetto tecnico, una carrellata di allievi “fuori uno e avanti un altro” che di certo non fanno sentire fieri di quanto imparato durante l’anno davanti ai propri genitori.

Nella musica insegnata ai bambini, è quanto di più sbagliato possa succedere!

Con i corsi di Revolution School, abbiamo rivoluzionato tutto questo.

  • I nostri insegnanti sono prima di tutto educatori, persone che non richiedono, ma chiedono. Qualcuno con cui il bambino può sentirsi a proprio agio, senza soggezione e timore di sentirsi impreparato.
  • Abbiamo abbandonato i metodi “tradizionali” già scritti, vecchi di decine di anni, per creare il nostro ed essere pronti a metterlo da parte quando ne sentiamo il bisogno. Così l’allievo può vivere in maniera serena l’insegnamento.
  • Abbiamo messo a disposizione dei saggi e delle esibizioni di fine anno un vero palco, per dare l’importanza che meritano all’impegno e alla voglia di mostrare cosa si può fare con voglia e motivazione.
  • Abbiamo creato il corso “Band on Stage”, dove gli allievi suonano insieme in vere e proprie band. I compagni di scuola diventano amici con cui condividere un’esperienza di crescita collettiva che aiuta a sviluppare l’ascolto e il rispetto degli altri.

FOTO BAND

Revolution School è un modo per crescere con la musica e poteva nascere solo dalla nostra esperienza di crescita con la musica.

Dal nostro sogno di fare musica, che è nato in noi quando eravamo bambini e da quel momento non ha mai smesso di accompagnarci.

FOTO DAVE (allineata a sinistra, testo intorno)“Quando ero Bambino ho sempre creduto che esprimermi non fosse solo un diritto, ma un dovere; un dovere ‘da bambino’ per intenderci…

Bisognava essere se stessi, assorbire, esprimersi, appassionarsi a qualcosa, anche di povero, di immaginario, e innamorarsi imparando a farlo anche dal niente.

Noi bimbi eravamo così. Sapevamo che potevamo diventare tutto e mai come da bambini si ha la percezione di un futuro costruibile secondo i nostri sogni, modificabile, migliorabile per il famoso ‘da grande vorrei diventare’.

Questa forza e questa idea di sconfinato e di ‘tutto è possibile’ ce l’hanno solo i Bambini.

E’ nei bambini che dobbiamo credere, è ai bambini che dobbiamo trasmettere le nostre esperienze e il nostro sapere.

Una pianta, si cura dalla prima goccia d’acqua versata su di un seme nascosto…

Un bimbo lo si ama prima che esca dalla pancia.

Succede questo perché si Ama l’idea di esso, e amare veramente non delude mai.

E’ con questo spirito che affronto ogni giorno il mio progetto, immaginando che quello che faccio oggi si rifletterà domani nei visi e in quei quei piccoli occhi, indistintamente, solo per il diritto che hanno di esprimersi.

Non esistono colori, simpatie, voci, visi… esistono i bambini, che sono specchio e creazione di un dono di Dio.

I bambini sono il nostro e il loro futuro.

Sono coloro che ritroveremo tra anni e che forse ci saluteranno, ma che vedremo forti camminare con le proprie gambe, avranno sogni di mille colori diversi, proveranno strade giuste, strade sbagliate ma saranno diventati grandi e sapranno rialzarsi ed avere il coraggio di riprovarci, sempre, ma solo se noi, glielo faremo credere possibile…

Quando a scuola ed ero pura ribellione, i prof. mi avevano ormai etichettato come ‘il Nicolli’, quello esuberante che non ha voglia di far niente, che suona la chitarra canta le sue canzoni ed ha la testa sulle nuvole…

Ogni volta che volevo riprovarci e che magicamente mi veniva la voglia di ricominciare da zero per rifarmi una ‘reputazione’ tornava puntuale la risata di qualche prof. che mi convinceva che non sarebbe servito a niente. Che vedermi impegnato sarebbe stata una cosa buffa.

In realtà avevo solo bisogno di qualcuno che ascoltasse e capisse chi ero, che credesse alla mia storia o che almeno la ascoltasse, che credesse senza ‘prove’ alle mie capacità, che ridesse delle mie paure, un po come un genitore… ma fuori, non era come a casa e la vita purtroppo non girava così…

Fu per questo motivo che dopo essermi dimenato per chiudere dignitosamente un percorso scolastico decisi piano piano di mostrare come sarebbe dovuta essere per me la scuola e il rapporto tra educatori ed allievi, secondo il mio bisogno, secondo le mie ferite.

Da quell’esperienza ho capito il valore che ha il ‘dare una seconda opportunità’ il valore del perdono, il credere nelle capacità e nei cuori, anche i più timidi.

Ho capito che bisogna scavare, che non bisogna basarsi su una prima impressione, non fermarsi ad una sgridata ma andare in fondo, vedere il buono, vedere solamente il buono e ovunque sia cercarlo, e da li partire, abbeverare, curare, essere sole, luce e terra perché quel buono, più profondo è, più significa che è raro.

Ognuno di noi è una ‘Meraviglia’ e come tale va scoperta, curata e fatta crescere con amore e pazienza.

Non esistono sono libri di testo, manuali di un risultato certo, procedure o sistemi.

Due cose, Fiducia e Passione.

Questo è il Talento che ho voluto dare a Revolution.

Davide Nicolli

REVOTUBE